home

 
 
 
 
 
 
 
 
    
 

Cos'è il counseling?

Il counseling è una professione relativamente giovane (si definisce negli anni '50 in America) ed è un intervento finalizzato a operare sulla salute più che sulla patologia.

 

L'obiettivo del Counselor è far sì che l'individuo riesca a potenziare le proprie risorse e

creare le condizioni relazionali ed ambientali che contribuiscano al suo benessere.

In altre parole, favorisce in tempi rapidi la presa di coscienza dei meccanismi interiori che spesso spingono a comportamenti inefficaci, conflitto. Approfondisci

I counselor della nostra associazione hanno conseguito un master triennale e operano da anni sia in ambito individuale sia con gruppi stimolando il cliente ad operare un adattamento creativo all'ambiente, centrando l'attenzione sul suo benessere, e sui suoi punti di forza (che tutti hanno hanno anche se

talvolta ci si dimentica).

Qual è il suo punto di forza?

Il principale è la rapidità. Il counseling permette di raggiungere risultati (l'obiettivo

definito nel primo incontro dal cliente) in tempi brevi. In alcuni casi con tecniche di counseling breve, è sufficiente una sola seduta perché il cliente acquisisca un punto di

vista completamente nuovo e risolutore del suo problema.

A chi si rivolge?

A tutti coloro che in un momento particolare della loro vita si trovano a sperimentare situazioni di disagio e sensazioni spiacevoli che sembrano non avere termine. Momenti dell’esistenza in cui nessuna soluzione sembra essere a portata di mano.

E’ il giovane che lascia gli studi "senza una ragione", è la tristezza profonda legata a un abbandono o a una perdita, è l'adulto che non si riconosce più nella sua vita professio-

nale e nel rapporto con gli altri, è la coppia che sta vivendo un momento problematico,

l'anziano che sente la necessità di affrontare i cambiamenti psico-fisici con strumenti più adeguati. Sono tutti le "normali" situazioni di crescita, scelta, cambiamento e disagio che chiunque incontra nel proprio percorso esistenziale.

 

 
 

 

 
 

© Com.e 2006
Comunicazione e Evoluzione